APULIA FELIX

  • Campagna per 5x1000

    Campagna per 5x1000

  • Campagna per 5x1000

    Campagna per 5x1000

  • Campagna per 5x1000

    Campagna per 5x1000

  • #faragolasiamonoi

    #faragolasiamonoi

  • Auditorium Santa Chiara: la nostra sede.

    Auditorium Santa Chiara: la nostra sede.

EVENTI

La Puglia romana ai Dialoghi di Archeologia al Museo Civico

Pubblicato il 18/04/2018

I Dialoghi di Archeologia al Museo Civico, organizzati dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Foggia e dalla Fondazione Apulia felix, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia belle arti paesaggio di Foggia e il Dipartimento di studi umanistici dell’Università di Foggia, giungono al terzo appuntamento. Dopo aver parlato di alcune tra le più grandi scoperte dell’archeologia e di comunicazione museale, in questa terza tappa si entrerà nel vivo della ricerca storica e archeologica sulla Puglia antica.

La sfida posta dal libro che si presenta, il secondo dedicato alla Puglia romana, consiste nel guardare al centro dalla periferia: la storia locale come percorso privilegiato per rileggere la storia dell’Italia romana.

Per quanto la formazione di un’identità regionale della Puglia sia fenomeno di età moderna, gli spazi sui quali insiste la ‘regione’ Puglia come entità istituzionale coincidono per circa due terzi con quelli che, già in età augustea, la prima ripartizione a fini statistici della penisola italica attribuì alla regio secunda, più tardi denominata Apulia et Calabria.

Si affronta un pezzo della storia della Puglia nel mondo romano il racconto compresa tra la nascita dei municipi romani, durante e dopo la guerra sociale, e il loro consolidamento, simbolicamente espresso dal censimento del 28 a.C. curato dai consoli Ottaviano (il futuro Augusto) e Agrippa.

L’istituzione dei municipi rimodellò la geografia del popolamento e portò a compimento l’assimilazione reciproca delle popolazioni locali e la dissoluzione delle loro specificità ataviche, linguistiche e culturali. Allo stesso tempo, l’innovazione favorì lo sviluppo degli insediamenti di tipo urbano e ne accentuò la dominanza sulle campagne, dalle quali contribuì peraltro ad eliminare le ultime tracce delle arcaiche forme di signoria che avevano caratterizzato il mondo dei principi iapigi. I mutamenti istituzionali condizionarono la forma delle città non meno che i paesaggi rurali, le attività produttive, i traffici, le dinamiche demografiche.

Nell’incontro di darà particolare rilievo alle trasformazioni che riguardarono la Daunia.

 

 

 

 

 

Giovedì 19 aprile, ore 18:30

 

La Puglia nel mondo romano

Storia di una periferia

L’avvio dell’organizzazione municipale

 

(Pragmateiai 29, Edipuglia, Bari 2017)

 

Saluti

Simonetta Bonomi, Soprintendente ABAP per le province BAT-Foggia

 

Intervengono

Francesco Grelle (Università del Salento

Marina Silvestrini (Università di Bari A. Moro)

Giuliano Volpe (Università di Foggia)

Roberto Goffredo (Università di Foggia)

 

Dialogano con gli Autori

Silvia Evangelisti (Università di Foggia)

Elisabetta Todisco (Università di Bari A. Moro)

 

 

Indietro

In Evidenza